La Repubblica Dominicana si estende per due terzi dell’isola Española L’altro terzo dell’isola è occupato da Haiti. Con il Mar dei Caraibi a sud e l’oceano Atlantico a nord, la Repubblica Dominicana è in una posizione comoda per i viaggiatori del Nord America. Molti arrivano su navi da crociera, ma molti altri volano e arrivano all’aeroporto internazionale di Punta Cana. La capitale, Santo Domingo, offre una vasta gamma di attrazioni e cose da fare. Il peso dominicano è la valuta ufficiale, ma la valuta americana è ampiamente accettata. Lo spagnolo è la lingua ufficiale, ma anche molti residenti nelle zone più turistiche parlano inglese fluentemente.

Il terreno della Repubblica Dominicana è incredibilmente vario, con aridi deserti, foreste pluviali, mangrovie e catene montuose. Le spiagge abbondano la maggior parte dei migliori resort di lusso si trova sulle coste nord e est. A seconda di dove andrai, troverai architettura coloniale, piantagioni di zucchero, villaggi pittoreschi, rifugi di montagna e molto altro. A  meglio visitare la Repubblica Dominicana tra novembre e maggio. perchè da giugno a ottobre il clima è abbastanza variabile con possibilità di qualche uragano.  La cucina è dominata da standard di prezzo caraibici come fagioli, riso, frutti di mare e frutti tropicali.

piatto tipico
piatto tipico dominicana
piatto di frutta

 

Santo Domingo batte con ritmi latini. La colonna sonora della città è realizzata con la musica bachata , il suono di schiaffi sui tavoli da domino e un cuore vibrante alimenta il collage di quartieri e culture. La città intensamente urbana ospita molte presentazioni originali dal nuovo mondo, le reliquie dell’era coloniale e le migliori istituzioni culturali della Repubblica Dominicana. Un museo vivente, la capitale è, parte metropoli e parte  centro politico.

La zona coloniale è il cuore di Santo Domingo e i vicoli che compongono le sue arterie sono pieni di alcuni dei luoghi più belli e interessanti del paese. Gli esempi di architettura del XV e XVI secolo abbondano e sapere che Cristoforo Colombo percorse le strade conferisce a tutto il quartiere un’atmosfera magica.

Il Figlio di Cristoforo Colombo, Diego e la sua famiglia vivevano nell’edificio che oggi è il Museo Alcázar de Colón. Oggi l’edificio gotico-mudéjar contiene la più importante collezione di arte rinascimentale e tardo medievale dei Caraibi, ma ancora più interessante è la storia dell’edificio. Molte spedizioni di esplorazione e conquista furono pianificate lì durante il primo periodo coloniale spagnolo, Sir Francis Drake, lo abbandonò nel 1586 e in seguito servì da magazzino e prigione.

museo alcazar a santo domingo
museo Alcazar a santo domingo
museo
museo alcazar

quì potrete guardare alcune delle spiaggie più belle della Repubblica Dominicana

Baya de las aguilas a Pedernales

Lagune Di Oviedo a Pedernales